Petizione del partito maori: non chiamatela Nuova Zelanda ma Aotearoa
14 Settembre 2021
Profanato sacrario della Repubblica sociale italiana, bufera su sindaco di centrodestra
14 Settembre 2021

Cultura, antiche casate e ciclovie per Bergamo capitale 2023

Di Giacomo Cozzaglio

MILANO – Due capoluoghi lombardi si preparano ad essere capitali della cultura italiana nel 2023. Oggi il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha presentato il progetto pilota realizzato assieme alla Provincia. Il titolo è ‘Di famiglia in famiglia’ e consiste nella creazione di itinerari storici, culturali ed enogastronomici attraverso i racconti delle più importanti casate bergamasche dal XIII al XIX secolo e percorsi tra ville, borghi e castelli. Al progetto hanno già aderito 22 comuni, una partecipazione che il sindaco Gori definisce “occasione per un’attivazione positiva dei territori provinciali”.

L’iniziativa principale per il 2023 si chiama invece “città illuminata” raccoglierà tutti gli eventi di Bergamo e Brescia e anche i progetti comuni, come la ciclovia per unire i due territori finanziata con 6 milioni di euro stanziati da Regione Lombardia. Le varie attività per il 2023 si articoleranno su 4 aree: cultura come cura, città-natura, patrimonio nascosto e città che inventa.

“L’auspicio è che questa sia un’occasione perché Bergamo e Brescia possano crescere insieme”, spiega Gori alla Dire, sottolineando l’importanza per il rilancio del turismo anche in vista delle Olimpiadi di Milano-Cortina del 2026. Parlando del ‘turismo lento’ di sentieri e ciclovie, il primo cittadino ha sottolineato come esso sia “molto apprezzato dai giovani europei. Ci piacerebbe che Bergamo e Brescia diventassero per loro la metà del 2023”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Cultura, antiche casate e ciclovie per Bergamo capitale 2023 proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento