Crisi agenzia Dire, i sindacati giovedì incontrano Barachini: “No agli esuberi”
23 Gennaio 2023
Le prime pagine dei quotidiani di Martedì 24 Gennaio 2023
24 Gennaio 2023

Calderone: “Il governo è pronto a nuove azioni a sostegno professionisti”

Sangiuliano: “Commercialisti fondamentali per la gestione economica del patrimonio culturale italiano” 

MILANO – “Dobbiamo intensificare la cultura in materia di sicurezza sul lavoro a partire dai giovani. Porteremo questi temi nelle scuole e nelle Università oltre che nei percorsi di alternanza scuola – lavoro. Bisogna ampliare il novero dei soggetti che hanno diritto ai risarcimenti anche se l’obiettivo prioritario è quello di ridurre drasticamente e il numero degli infortuni.”

Con queste parole Marina Calderone, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, è intervenuta al 6° forum nazionale dei commercialisti e degli esperti contabili, organizzato da Italia Oggi e patrocinato dalla Cnpr, presieduta da Luigi Pagliuca, sul tema “La novità della legge di bilancio per professionisti e imprese”, che si è svolto a Milano nella sala conferenze di Palazzo Emilio Turati.

“Abbiamo aperto una riflessione sul jobs act – ha aggiunto Calderone – e a febbraio individueremo le azioni da mettere in campo a sostegno del comparto professionale. L’impegno del governo è indirizzato a migliorare e implementare le norme per sostenere libera professione.

Credo che nei contratti a termine si debba ritornare sul tema delle causali. E’ sbagliato considerare la flessibilità come precarietà. Esiste sicuramente la flessibilità che come tale è necessaria perché consente a imprese e lavoratori di uniformarsi e anche conformarsi alle situazioni di mercato, poi esiste la condizione in cui norme flessibili vengono male utilizzate.

Ma non andrei a colpevolizzare la flessibilità leggendola solo in chiave negativa”, aggiunge Calderone, osservando che “il contratto a termine non è una forma di precarizzazione del mondo del lavoro, laddove c’è la possibilità di utilizzarlo in modo sapiente per poter costruire delle carriere che necessariamente saranno caratterizzate da attività e lavori diversi che faranno crescere professionalmente.

L’impegno del governo – ha concluso il ministro del Lavoro – dev’essere di poter mettere il lavoratore o la lavoratrice in grado di poter accedere, in tempi brevi, a un’altra offerta di lavoro, laddove finisce un’esperienza lavorativa”.

Marina Calderone

Un altro elemento di rilancio per l’economia nazionale è rappresentato dalla cultura, così come sottolineato dal ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano: “L’Italia ha due grandi pilastri economico produttivi su cui puntare, uno è l’impresa, l’altro la cultura. Nei prossimi anni aumenterà il numero dei viaggiatori e in questo scenario l’Italia è un colosso mondiale culturale con un’offerta impareggiabile.

La cultura, dunque, è sì conservazione ma è anche una grande leva economica di sviluppo.  Abbiamo bisogno di figure professionali che sappiano portare in una dimensione di gestione economica e aziendale questo intero patrimonio facendone un grande motore economico”.

sangiuliano:-la-rai-deve-raccontare-l’identità-italiana
Gennaro Sangiuliano

Francesco Paolo Sisto, vice ministro della Giustizia, è intervenuto sulle norme dell’equo compenso per i professionisti: “Attendiamo giovedì alla Camera il testo, dopo l’approvazione all’unanimità in Commissione Giustizia, è sicuramente migliorabile, ma bisogna spingere per approvarlo nel più breve tempo possibile per dare un primo segnale concreto di attenzione sul tema.

Per questo occorre un rigoroso controllo delle procedure parlamentari per evitare nuove ‘sorprese’ dopo che, nella scorsa legislatura, non si riuscì ad arrivare al traguardo davvero per poco, nonostante l’ampia convergenza tra partiti”.

Francesco Paolo Sisto

Il taglio del cuneo fiscale, rivolto alle piccole e medie imprese al centro dell’intervento di Lucia Albano, sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze: “Uno degli obiettivi principali di questo governo è portare il taglio del cuneo fiscale a 5 punti, questo non solo darà un beneficio ai lavoratori ma anche alle imprese.

In legge di bilancio sono stati inseriti diversi strumenti che vanno incontro alle esigenze delle Pmi, perché siamo perfettamente consapevoli che gli imprenditori stanno affrontando un importante aumento dei costi e la ripresa prevista certamente non sarà sufficiente a coprire il gap accumulato negli anni della pandemia”.

Lucia Albano

Federico Freni, anche lui sottosegretario al Mef ha osservato che “entro giugno ci sarà un nuovo regolamento per gli investimenti. Nella legge di bilancio abbiamo approvato una norma che ha cambiato il contesto degli investimenti che oggi prevede un regolamento cornice, a differenza di quanto accadeva priva, approvato dai ministeri vigilanti (Ministero Economia e Finanze e Ministero del lavoro), nel cui ambito si vanno ad inserire i regolamenti di ciascuna cassa, che oggi sono tra gli investitori più solidi e affidabili di tutto il Paese, architrave dell’intero sistema”.

Federico Freni

Secondo Massimo Bitonci (sottosegretario al Ministero delle Imprese e del Made in Italy) ”la riforma del Fisco deve andare nella direzione della riduzione della pressione fiscale, semplificazione degli adempimenti e riduzione dei contenziosi.

Senza dubbio vanno ridotti gli adempimenti, che ad oggi invece aumentano in maniera esponenziale, al contempo bisogna rendere strutturali alcuni provvedimenti che consentono il taglio dei contenziosi in cassazione, che sappiamo essere di natura fiscale per oltre il 50%”.

Massimo Bitonci

Massimo Garavaglia, presidente Commissione Finanze e Tesoro del Senato ha sostenuto che “Per ridurre l’accumulo dei crediti fiscali dobbiamo attivare la domiciliazione, che è una tipologia di riscossione che funziona, garantisce flusso di cassa e non bisogna rincorrere chi banalmente si dimentica di pagare. Pensare a un’estensione di essa non è sbagliato anzi va incontro continua a leggere sul sito di riferimento