Musumeci a Di Maio: “Risolvere problemi col Nordafrica”. La replica: “Ok ma serve prudenza”
23 Aprile 2021
L’infettivologo Pierluigi Viale: “Emilia-Romagna vicina all’immunità di gregge, è giusto riaprire”
23 Aprile 2021

Asl Roma 6, monoclonali a 17 pazienti a due settimane dall’apertura del Centro

ROMA – Al Centro di Somministrazione degli Anticorpi Monoclonali Anti Covid-19 della Asl Roma 6, dopo 14 giorni dall’apertura degli ambulatori, sono stati trattati 17 pazienti, tutti residenti nel territorio della ASL.

I 17 pazienti sono tuttora monitorati dall’equipe medica che ne segue il percorso clinico. Ad oggi 6 pazienti hanno raggiunto i 7 giorni dall’infusione della terapia, 2 pazienti hanno riferito la negativizzazione del tampone molecolare per SARS-CoV-2, 2 pazienti sono in attesa del referto del tampone; 4 pazienti hanno riferito marcato miglioramento della sintomatologia con scomparsa totale dei sintomi in 3 di questi. Le manifestazioni principali di malattia erano febbre e tosse, entrambe presenti in 10 pazienti (71,4%).

Tutte le infusioni sono state ben tollerate e non si sono presentate reazioni avverse nei 60 minuti di osservazione clinica post-terapia.

LEGGI ANCHE: Covid, anticorpi monoclonali dall’8 aprile somministrati all’Asl Roma 6

COME ACCEDERE AL CENTRO

Per accedere al Centro di Somministrazione degli Anticorpi Monoclonali anti Covid-19 è necessario che i pazienti vengano identificati dal proprio medico curante, dall’USCAR o dal Pronto soccorso che si occuperanno di avvertire il Centro mediante invio via mail del modulo regionale contenente tutte le informazioni utili. Le richieste da parte dei Medici di Medicina Generale stanno aumentano e il Centro è pronto a sostenere fino a 36 somministrazioni settimanali. È quanto si legge in una nota dell’Asl Roma 6.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Asl Roma 6, monoclonali a 17 pazienti a due settimane dall’apertura del Centro proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento