A Roma si fanno tutti, anche di Ghb. Barra (Villa Maraini): “Le persone sono tremendamente sole”
16 Novembre 2021
Alfonso Signorini al Gf Vip: “Noi siamo contrari all’aborto. È polemica sul web, Lucarelli: “Parla per te”
16 Novembre 2021

Al quartiere Aurelio di Roma le campane per il vetro raccontano Dante

ROMA – Nell’anno di Dante, al di fuori delle aule, dei luoghi istituzionali e delle università, la street art interviene a cielo aperto per raccontare quanto il sommo poeta fosse rivoluzionario e anche outsider. Succede a Roma, nel quartiere Aurelio, dove 34 campane per la raccolta differenziata del vetro sono dedicate ai canti dell’inferno.

È la quinta edizione di GAU – Gallerie d’Arte Urbana, che dal 19 al 21 novembre 2021 porta i passanti nei ‘gironi infernali’. Da Piazza Irnerio a Via Boccea, passando per Circonvallazione Aurelia e Circonvallazione Cornelia e proseguendo su via Mattia Battistini, ci si potrà imbattere nella rivisitazione contemporanea dei Canti danteschi firmati da Moby Dick, Giusy Guerriero, Dez, Marta Quercioli, Zara Kiafar, Tito, Violetta Carpino, Kiddo, DesX, Yest, Er Pinto, Olives, Lola Poleggi, Kenji, BloodPurple, Lady Nina, Orgh, Teddy Killer, Valerio Paolucci, Wuarky, Karma Factory, Muges147, Maudit, Hoek, Alessandra Carloni, Cipstrega, Molecole, Korvo, Alekos Reize, e Gojo, diretti artisticamente da Alessandra Muschella.

“GAU sceglie di omaggiare Dante Alighieri nel settimo centenario della sua morte – spiega la direttrice artistica – Gli artisti lavoreranno sui 34 Canti dell’Inferno, attualizzandoli attraverso la peculiarità del proprio linguaggio artistico, reinterpretando simboli, luoghi e personaggi della Divina Commedia in chiave contemporanea. Gau si pone come obiettivo quello di sensibilizzare i cittadini sull’importanza della raccolta differenziata, rendendo protagonista un materiale, il vetro, che andrebbe considerato come una risorsa e non come un rifiuto. La responsabilità verso l’ambiente non è più demandabile ma è un dovere che riguarda il futuro di tutti”.

Le opere sono presentate al pubblico in una staffetta di appuntamenti che coinvolgono l’intero territorio. Si parte il 19 novembre con il laboratorio di riciclo creativo per i bambini ‘Differenziata Mon Amour / costruisci la tua Città Ideale’ nell’istituto comprensivo Borgoncini Duca di Piazza Francesco Borgongini Duca, alle ore 10.00 e 14.00. Il 20 e 21 novembre sono invece in programma visite guidate attraverso il quartiere Aurelio, per raccontare ai cittadini il lavoro degli artisti sulle campane (appuntamenti alle ore 10.00 e alle ore 14.00).

“La Città Ideale, il progetto creativo per la città di Roma – spiega il direttore Fabio Morgan – dopo aver imperversato per tutta l’estate tra le periferie della città, torna a portare la creatività per le strade della Capitale. La forza dei nostri progetti partecipati sta proprio nella rottura delle consuetudine della fruizione: grazie agli street artist che in questi giorni sono all’opera per le strade del Municipio XIII, riscriviamo un nuovo modello del vivere la città, che immaginiamo essere sempre più alla portata di tutte le persone, inclusiva, orizzontale e piena di creatività”.

GAU è promosso da Associazione Culturale Progetto Goldstein, con la direzione artistica e la curatela di Alessandra Muschella, da un’idea di Fabio Morgan con la progettazione di E45 e l’organizzazione di Daniele Grifoni, foto Valentino Bonacquisti. Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 – 2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con Siae.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Al quartiere Aurelio di Roma le campane per il vetro raccontano Dante proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento