“Mi oppongo al Tso, dovranno legarmi al letto”. L’anarchico Alfredo Cospito supera i tre mesi di sciopero della fame
20 Gennaio 2023
A Bologna in mostra ‘Frammenti’ di Africa e Medio Oriente a fin di bene
20 Gennaio 2023

Accordo tra Liberisti italiani e Lega, Bernaudo: “Sosterremo Fontana e Rocca”

ROMA – “Alle prossime elezioni regionali il simbolo di Liberisti italiani purtroppo non sarà presente. In Lombardia e nel Lazio voteremo Lega e sosterremo i candidati presidenti del centrodestra”. Così in una nota il presidente di Liberisti italiani, Andrea Bernaudo, annunciando una conferenza stampa congiunta che si terrà il prossimo giovedì 26 gennaio alle ore 12.30 in Senato. “Questo accordo è stato reso possibile anche perché la Lega ha condiviso un punto importante del nostro programma: l’abolizione del ‘solve et repete’ dall’ordinamento tributario – spiega Bernaudo -. La leale collaborazione con la Lega sarà basata sul raggiungimento di comuni obiettivi politici”.

“Sarà l’occasione – prosegue il presidente di Liberisti italiani – per approfondire le ragioni politiche dell’accordo e presentare la proposta di legge su cui già stiamo lavorando insieme con la Lega. L’obiettivo è quello di riformare l’ordinamento e il processo tributario al fine di ottenere l’abolizione dell’inversione dell’onere della prova a favore del fisco e l’abolizione della riscossione in pendenza di giudizio di primo grado. Uno dei nostri cavalli di battaglia da sempre”.

“Ringrazio gli esponenti della Lega, il sottosegretario Claudio Durigon, per aver sostenuto questo accordo a livello politico, il senatore Armando Siri per aver messo a disposizione la sua specifica competenza su questi temi così importanti e che ha già presentato nella legislatura precedente – a prima firma per la Lega – la proposta di legge per abolizione dell’inversione dell’onere della prova in materia tributaria. Ringrazio infine il segretario federale della Lega Matteo Salvini per la sensibilità dimostrata verso questa proposta e in generale verso i diritti di tutti i contribuenti italiani”, conclude Bernaudo.
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento