Strage Nigeria, Arogundade (vescovo Ondo): “Grati per la vicinanza dei musulmani”
8 Giugno 2022
Non solo la pistola uccide, ma possono fare ancora peggio le istituzioni
8 Giugno 2022

A Ciampino cittadini e leader in piazza per Colella, in centinaia alla chiusura della campagna

CIAMPINO – Da Nicola Zingaretti a Bruno Astorre, da Pier Luigi Bersani a Valentina Corrado e Paolo Ciani. Partito democratico, Movimento Cinque Stelle, Articolo 1 e Demos fanno quadrato intorno a Emanuela Colella, la candidata sindaca del centrosinistra a Ciampino, in vista del primo turno delle elezioni amministrative di domenica 12 giugno. All’interno della piazza del parco Aldo Moro, riempita da centinaia di persone, i leader dei partiti della coalizione ‘Ciampino tra voi’ a sostegno della candidata sono intervenuti alternandosi sul palco allestito in occasione della chiusura della campagna elettorale per rivolgere un ultimo appello ai cittadini che tra quattro giorni saranno chiamati alle urne.

COLELLA: ‘GOVERNEREMO CON IL NOI, NON CON L’IO: SARÒ SINDACA DI TUTTI I CIAMPINESI’

‘Fin da subito abbiamo sostituito la parola ‘io’ con la parola ‘noi’, e questa è l’essenza della nostra coalizione di oggi ma anche della nostra squadra di governo di domani: donne e uomini che vogliono mettersi al servizio di tutta la comunità ciampinese senza alcuna distinzione, e sarò veramente la sindaca di tutti i ciampinesi. L’esatto opposto della destra che ci ha preceduto, che è stata divisiva e ha governato solo per alcuni e sicuramente contro altri’, ha detto Colella dal palco, accolta dagli applausi del pubblico. ‘Noi siamo diversi e lo dimostra il contatto e l’affetto che ci avete dimostrato in questi giorni- ha aggiunto la candidata- L’ex sindaca ha fatto propria quella maledetta frase ‘molti nemici, molto onore’ che rappresenta perfettamente il suo modello di amministrazione, in quello che non esito a definire un ‘biennio nero’ che ha rappresentato il peggior governo delle destre non solo a Ciampino, ma in tutto il Lazio’.

Per Colella, la precedente amministrazione di centrodestra è stata contraddistinta da ‘un’enorme arroganza e un atteggiamento predatorio, come se il Comune e le sue partecipate fossero un bottino di guerra. Noi siamo un’altra cosa, la nostra squadra aprirà i confini di Ciampino e riallaccerà i dialoghi con le entità sovracomunali a partire dalla Regione, un ente che stanzierà risorse importanti per Ciampino e che ha già finanziato importanti opere come il sottopasso di Casabianca. Queste sono le soluzioni che Ciampino vuole, è così che vogliamo e dobbiamo lavorare’, ha concluso la candidata sindaca.

LEGGI ANCHE: A Ciampino il faccia a faccia tra i candidati a sindaco

ZINGARETTI: ‘GRAZIE A EMANUELA, SUO PRIMO MIRACOLO UNIRE CAMPO PROGRESSISTA’

‘Grazie di cuore a Emanuela, perché un miracolo già lo ha fatto: purtroppo le forze di questo campo spesso sono forti e radicate ma divise, invece qui a Ciampino si è riusciti in qualcosa di molto importante se quello che abbiamo in testa è l’idea di una società diversa da quella delle destre che sono in campo, e questa si costruisce proprio con un’alleanza di tante forze politiche associative civiche diverse, con percorsi diversi e a volte idee diverse ma finalmente unite dietro un programma e una straordinaria candidata, e l’unità è sempre la condizione fondamentale’, ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Ricordando che ‘io non sarei presidente di Regione se quattro anni fa Articolo 1 non avesse fatto una scelta totalmente controcorrente per sostenere la coalizione del centrosinistra, ma non ci siamo accontentati e oggi anche il M5S è coinvolto nella Giunta regionale. Se resistiamo ancora alle destre è perché siamo uniti intorno alla voglia di non uccidere la speranza delle persone’.Questi, l’appello del governatore, ‘sono i giorni in cui le persone decidono, e lo fanno non ascoltando la tv o i leader, ma sul bus, al mercato, all’università, parlando in casa. La posta in gioco non è l’elezione di Emanuela, il vero obiettivo di questa battaglia in un Paese che dopo il Covid rischia di pagare i suoi effetti, come la povertà, la paura del futuro, la crisi delle imprese e l’incertezza delle famiglie, è quello di avere una nuova sindaca a Ciampino per trasformare la paura del futuro in speranza di potercela fare, per poter stare in questo Paese con la dignità che la Costituzione ci dà. Noi proprio come la destra vediamo i problemi, ma troviamo indecente chiedere i voti per cavalcarli: noi li vogliamo risolvere per dare un futuro e una possibilità alle famiglie. Dobbiamo combattere da qui a domenica per salvare questa città, perché quando un Comune è amministrato male lascia da sole le persone, e questo non ce lo possiamo permettere’.

BERSANI: ‘COLELLA CANDIDATA FORTE, ESPERTA E DETERMINATA, UN ESEMPIO’

‘Sono qui per sostenere Emanuela, che è una candidata forte, esperta e determinata, una figura femminile di quelle che possono segnare un percorso amministrativo sull’onda di una coalizione molto larga, e questo mi fa molto piacere fal momento che si vota sì per Ciampino ma anche per l’Italia, perché abbiamo bisogno che da queste amministrative arrivi una sveglia per il campo progressista’, ha spiegato il deputato e fondatore di Articolo 1, Pier Luigi Bersani. ‘Bisogna seminare nei territori, e laddove si creano situazioni come questa, dove vengono superate le barriere, c’è un lavoro programmatico e di ricucitura e si sceglie una candidata che rappresenti tutto questo, allora c’è una possibilità, ci sono energie che si mettono in movimento’.

E per l’autunno, ha sottolineato Bersani, ‘con questo stesso perimetro dobbiamo costruire un progetto a livello nazionale per traguardare un appuntamento politico da qui a qualche mese dove il tema fondamentale sarà la questione sociale che si è aperta. Speriamo che per allora non ci saranno più la guerra e la pandemia, ma il tema sociale resta comunque perché già da prima si stavano sgretolando le colonne dell’uguaglianza, che sono i diritti, la condizione e la dignità del lavoro, un fisco generalista e progressivo, un welfare universalistico’.

ASTORRE: ‘COLELLA MIGLIORE ALFIERA CENTROSINISTRA AMPIO’

‘Chiudere formalmente qualche giorno prima non è un male, perché la campagna elettorale finisce domenica alle 23 e fare la chiusura di venerdì porta a rilassarsi, e questo non va bene: dobbiamo impegnarci tutti fino all’ultimo’, le parole del senatore e segretario regionale del Pd, Bruno Astorre. Ciampino, ha ricordato, ‘è il Comune più importante dei Castelli a livello demografico, per l’aeroporto, per le municipalizzate, e c’è un impegno diretto continua a leggere sul sito di riferimento