Rostan: è inaccettabile che in Italia ci siano 7mila morti l’anno per le infezioni ospedaliere
12 agosto 2018

“Strumenti penali per attivare maggiore prevenzione sul territorio”

 

“Strumenti penali per attivare maggiore prevenzione sul territorio”Parla Fabio Foglia Manzillo, professore di diritto penale all’Università Pegaso: “E’ possibile esercitare una legalità formale e sostanziale con modelli organizzativi e gestionali da parte degli enti ”

 

NAPOLI – “La prevenzione del rischio da crollo appare essere una delle maggiori emergenze presenti nel nostro Paese. Paradigmatico in tal senso è il tragico episodio del crollo del ponte Morandi a Genova. 

Tralasciando le problematiche relative alla contemperanza fra esigenze di conservazione e riqualificazione delle strutture pubbliche nonché private e la possibilità di attingere a scarse risorse economiche, è da chiarire che le norme penal-sanzionatorie possono essere utilizzate non solo e non tanto quale strumento punitivo da applicare quando il danno più o meno ingente si è ormai concretizzato, ma in via preventiva quale strumento di organizzazione e gestione del territorio. Ciò lo si può fare a mezzo di strumenti preventivi, che preludano la minaccia sanzionatoria”. 

Lo ha detto Fabio Foglia Manzillo, professore di diritto penale all’Università Pegaso, intervenendo forum “Terremoti e strutture. Prevenzione, Sicurezza, Sostenibilità” che si è svolto a Napoli.

“A tal fine non è la singola fattispecie penale, sulla cui efficacia, qualora si agisca nel singolo processo si può dissertare, ma è il raccordo dell’ intero reticolo normativo, distribuito nel codice penale e nella miriade di leggi speciali, che può generare un circolo virtuoso finalizzato alla gestione ed alla conservazione del territorio, anche attraverso un sistema preventivo”. 

“L’applicazione di tale sistema – ha aggiunto Foglia Manzillo – deve essere dapprima effettuato dagli organi pubblici che amministrano e controllano il territorio, tra i quali enti che rilasciano atti autorizzativi e concessori; stazioni appaltanti delle infrastrutture pubbliche; enti che controllano la materiale esecuzione delle attività di edificazione, riqualificazione e manutenzione”. 

“Da parte di tali enti vi deve essere la necessaria imposizione di modelli organizzativi e gestionali di prevenzione del rischio che garantiscono uniformità di condotte da parte di operatori economici nel rispetto non solo di un concetto di legalità formale – ha concluso il professor Foglia Manzillo – ma principalmente del rispetto della legalità sostanziale”.