Roma, 25 nov. (askanews) – Partirà i primi di gennaio 2023 la procedura per la riduzione del 5% dei consumi elettrici delle aziende nelle ore di picco, obiettivo previsto da un Regolamento europeo. La misura è inserita nella bozza del ddl di bilancio.
L’operazione è effettuata da Terna, che nei primi giorni di gennaio (la disposizione dice ‘entro cinque giorni’ dall’entrata in vigore della disposizione) avvierà un’asta per selezionare i soggetti che assumono l’impegno di ridurre i consumi in due fasce orarie, una al mattino e l’altra nel pomeriggio, nel periodo compreso tra il primo dicembre 2022 e il 31 marzo 2023. Le aziende interessate potranno partecipare all’asta mettendo a disposizione la loro riduzione dei consumi per la quale verranno remunerati.

Questo servizio di riduzione dei consumi è coordinato con la procedura finalizzata al contenimento indiretto dei consumi di gas da parte dei carichi industriali che offrono il servizio di interrompibilità elettrica e tiene conto delle esigenze di adeguatezza del sistema elettrico nazionale.
Il servizio di riduzione dei consumi può essere esteso, su base annuale, per le esigenze di riduzione indiretta dei consumi di gas per l’anno 2023.