Agenzie stampa, Barachini: da governo intervento imprescindibile
17 Gennaio 2023
Inflazione, nel 2022 è al +12,1% per le famiglie più povere
17 Gennaio 2023

Inflazione, Istat: nel 2022 all’8,1%, al top dal 1985

Acquisita per il 2023 a +5,1%. A dicembre rallenta a +11,6%

Roma, 17 gen. (askanews) – Inflazione record nel 2022 soprattutto a causa dell’impennata dei costi dell’energia. L’anno scorso i prezzi al consumo, in media, sono aumentati dell’8,1% (+1,9% nel 2021), al top dal 1985. E’ la conferma che arriva dall’Istat.

Al netto degli energetici e degli alimentari freschi (l'”inflazione di fondo”), i prezzi al consumo aumentano del 3,8% (+0,8% nell’anno precedente) e al netto dei soli energetici del 4,1% (+0,8% nel 2021). L’impennata registrata nel 2022 è principalmente a causa dall’andamento dei prezzi degli Energetici (+50,9% in media d’anno nel 2022, a fronte del +14,1% del 2021).

L’inflazione acquisita, o trascinamento, per il 2023 (ossia la crescita media che si avrebbe nell’anno se i prezzi rimanessero stabili per tutto il 2023) è pari a +5,1%, più ampia di quella osservata per il 2022, quando fu +1,8% Nel mese di dicembre 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,3% su base mensile e dell’11,6% su base annua (da +11,8% del mese precedente), confermando la stima preliminare. I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona rallentano su base tendenziale da +12,7% a +12,6%, come anche quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +8,8% di novembre a +8,5%).

Mlp

continua a leggere sul sito di riferimento