Eurozona, in terzo trimestre debito 93% Pil, Italia cala a 147,2%
23 Gennaio 2023
Lombardia, la sala giunta della Regione intitolata a Roberto Maroni
23 Gennaio 2023

Eni: oltre 10 miliardi di ordini per bond retail, tasso annuo al 4,3%

Descalzi: successo straordinario, grande fiducia degli italiani

Milano, 23 gen. (askanews) – Grande successo per le prime obbligazioni di Eni legate alla sostenibilità e destinate al pubblico retail in Italia: sono arrivati ordini da più di 300mila investitori per oltre 10 miliardi di euro, a fronte del miliardo inizialmente offerto, poi incrementato a 2 miliardi. Registrato il record italiano per una emissione obbligazionaria corporate single tranche destinata al retail. Il tasso di interesse nominale annuo lordo è stato fissato al 4,30%.

La forte domanda ha permesso di chiudere anticipatamente l’offerta in soli 5 giorni e già dopo il primo giorno l’offerta risultava essere integralmente soddisfatta con oltre 2 miliardi di adesioni raccolte.

“Il successo di questa operazione è stato straordinario e sorprendente. E’ stato per noi soprattutto un fortissimo riscontro in termini di fiducia da parte del pubblico italiano, ed è questo l’aspetto che ci dà maggiore soddisfazione e che ci rafforza”, ha commentato l’AD di Eni, Claudio Descalzi. “Tantissimi italiani hanno creduto in quello che stiamo facendo, sia in termini di progressiva evoluzione verso processi industriali e prodotti decarbonizzati, sia di garanzia della sicurezza energetica”, ha sottolineato.

Nel dettaglio, le obbligazioni della durata di 5 anni saranno emesse alla data del 10 febbraio. La cedola annua lorda del 4,30% rimarrà invariata sino a scadenza in caso di raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità relativi alla capacità installata per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e al Net Carbon Footprint Upstream (Scope 1 e 2). In caso di mancato raggiungimento di anche uno solo dei due target, il tasso di interesse relativo alla cedola pagabile alla data di scadenza (10 febbraio 2028) sarà incrementato dello 0,50%.

continua a leggere sul sito di riferimento