Meloni: dl alluvione da 2 mld. Ma stop di Salvini sul commissario
23 Maggio 2023
Rete ospedaliera, Marsilio: approvato modello Abruzzo
23 Maggio 2023

Antimafia, Colosimo presidente a maggioranza. Opposizione lascia aula

Terzo polo resta. Poi Pd, M5S e Avs eleggono Cafiero De Raho vicepresidente

Roma, 23 mag. (askanews) – “Non intendo nascondere l’emozione: questa elezione rappresenta per me un onore indescrivibile. Ringrazio tutti i senatori e deputati che hanno partecipato a questa elezione dell’Ufficio di presidenza. Esprimo l’auspicio che tutti noi, insieme, potremo svolgere un proficuo lavoro, offrendo un contributo fattivo all’attività di contrasto alla criminalità organizzata. Ognuno cercando di far valere, con dignità ed onore, la propria specifica visione delle funzioni di questo collegio parlamentare”. Parole della neo-presidente della commissione Antimafia, la parlamentare di FdI Chiara Colosimo, pronunciate quasi tutte d’un fiato, trattenendo l’emozione. I suoi 29 voti sanciscono una vittoria del centrodestra annunciata, ma non scevra da distinguo e prese di posizione. Colosimo nel discorso di insediamento, nel giorno della strage di Capaci, rende omaggio a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo ed agli uomini della scorta e sottolinea: “Abbiamo il solenne impegno di combattere la solitudine degli uomini e delle donne di giustizia”.

Gli applausi per la presidente Colosimo sono arrivati quando lo spoglio delle preferenze ha raggiunto quota 26, il quorum di maggioranza. Non si dimentica però la tensione, i distinguo, le prese di posizione che si registrano all’ingresso di Palazzo San Macuto, in mezzo a comitive di turisti e scolaresche in gita che fanno selfie all’ingresso, tra agenti di scorta e commessi in livrea “ancora invernale”. Enza Rando, responsabile legalità del Pd, subito annuncia: “Se il nome non cambia usciamo dall’aula”. E lo stesso spiega Michele Gubitosa, M5S. Anche Alleanza Verdi e Sinistra non partecipa al voto della Colosimo. Le dichiarazioni delle associazioni delle famiglie delle vittime delle mafie e del terrorismo, che una settimana fa hanno detto no con una lettera alla parlamentare vicina a Giorgia Meloni per i suoi presunti rapporti con l’ex Nar Luigi Ciavardini, hanno scavato un solco e nessuno vuole dimenticare facilmente. Per questo a cose fatte Walter Verini, Pd, scende nel corridoio davanti alla sala stampa e dice che la scelta della Colosimo “rappresenta uno schiaffo che la commissione e questo paese non meritavano”. Insomma “è stata dimostrata sordità e chiusura e con questa presidenza la commissione parte azzoppata e poco legittimata”. E adesso? “Le mafie ci sono e sono pericolose, penetrano nei gangli della società e sarà nostro compito fare in modo che questa commissione non sia una occasione persa”.

Dopo poco arriva la stessa presidente Colosimo. E dopo una dichiarazione che nella sostanza ripete quanto già affermato in aula e che è stato registrato dal servizio tv a circuito chiuso, risponde ad una domanda non prevista sul tema del giorno. “Nella mia vita – dice – hanno sempre parlato i fatti e le battaglie che fin qui ho condotto con il profondo rispetto che devo ai familiari delle vittime, li invito qui. Questa è casa loro. Possono venire quando vogliono, indicare le priorità”. Rispetto al presunto legame con l’estremista di destra Ciavardini, subito lo definisce “presunto” e poi dice: “Soprattutto permettetemi, visto che sinora non ho parlato, io non ho amicizie. Ho espletato nella mia funzione di consigliere regionale quel che mi era concesso e quel che era dovuto. Cioè incontrare anche persone che sono state o sono detenute. Quindi conosco Ciavardini esattamente come lo conoscono moltissimi altri eletti di altra appartenenza politica perché lui è in una associazione che si occupa del resinserimento dei detenuti nel momento in cui hanno scontato le loro pene”.

L’ex procuratore nazionale antimafia, il magistrato di lungo corso Federico Cafiero De Raho, è stato eletto vicepresidente. Con lui anche il parlamentare di Forza Italia Mauro D’Attis. Molti però aspettano le parole di Cafiero per capire come andranno le cose di qui in avanti. “Il compito della commissione antimafia è questo – dice subito – capire come le mafie si sono mosse, se ci sono state alleanze, anche nelle istituzioni, anche nei cosiddetti non mafiosi. E’ evidente che il nostro atteggiamento oggi, di allontanarci al momento dell’elezione del presidente, è stato dimostrativo del nostro orientamento. Noi siamo con le associazioni dei familiari delle vittime e come loro riteniamo che chi è alla presidenza deve essere al di sopra di ogni sospetto”. E poi però aggiunge: “La commissione non è spaccata, opera in maniera unitaria. E’ stato spaccato il voto, dimostrativo di orientamenti diversi. Ma è evidente che bisognerà muoversi unitariamente per perseguire obiettivi che sono necessari al nostro Paese. La commissione non può che muoversi unitariamente”. Rispetto ai compiti da svolgere dice: “Bisognerà fare luce su tutti gli aspetti dell’operatività mafiosa che ancora oggi sono oscuri. Non solo. Noi dobbiamo aiutare il nostro Paese a liberarsi dalle mafie, e per fare questo dobbiamo essere attivi ed attuali. Come si stanno infiltrando negli appalti, nel Pnrr. Con l’esigenza di diradare le nebbie, dove ci sono vanno eliminate. Bisogna fare giustizia e al tempo stessa certezza di quel che è stato”.

Sullo sfondo c’è stata anche la scelta di Azione ed Italia Viva di non lasciare l’aula al momento della votazione del presidente. E’ un distingo che divide, anche se i numeri delle schede bianche, sempre inferiori ad una manciata, non sembrano destare timori. L’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando entrando nel Palazzo dice di temere che la partenza, con questa mancanza di collaborazione e in ritardo, non sia un buon programma per la commissione. “Diciamo che il tema sino qui non è stato una priorità se non nelle ricorrenze”. Ed in generale “vedo il rischio di una sottovalutazione, nonostante i richiami di chi indaga sul fenomeno. I grandi investimenti pubblici programmati, è stato detto, rischiano di essere preda delle mafie”.

Le condizioni per un voto unitario non ci sono state. E’ restato solo il responso delle urne. Sancito anche dalla scelta dei segretari: Anthony Barbagallo del Pd (13 voti) e Antonio Iannone di Fratelli d’Italia (30).

continua a leggere sul sito di riferimento